Il territorio

castrocaro

Il territorio di quella che fu la Romagna Toscana

Scopri il territorio

Il nostro territorio è ricco di artigianato e di piccoli borghi tutti da scoprire!

Qui trovi una mappa che trovi sul sito: castrocarotermeterradelsole.travel

Terra del Sole

 “E la città si fa di bellezza compagna del suo nome”…
[Leonardo da Vinci]

Terra del Sole, anticamente denominata Eliopoli, esprime il concetto Leonardesco della “città ideale”, esprime cioè la concezione rinascimentale di città ideale: prendetevi qualche ora per visitarla; dalla Piazza d’Armi entrate nel mondo rinascimentale ammirando l’armonia di forme delle mura bastionate e dei due borghi, vi è il Castello del Capitano delle Artiglierie, e quello del del Governatore e il Palazzo Pretorio.

Terra del Sole è uno stupefacente borgo rinascimentale, denominata anche “la città ideale” .

La fortificazione è segno del potere della casata medicea che a metà del Cinquecento governava la città.

Essa fu costruita da Cosimo I de’ Medici nel 1564 secondo i canoni urbanistici dell’epoca, che si rifacevano ad un armonioso rispetto tra spazio e volume: la sua cinta muraria custodisce palazzi disposti con simmetrica regolarità, in un raro esempio di architettura militare.

 

Le Sottozone del Romagna Sangiovese

Nel 2011 sono nate le prime 12 sottozone del Romagna Sangiovese, a cui si sono aggiunte nel 2022 ulteriori 4 (Imola, Verucchio, Coriano e San Clemente).

Castrocaro si trova nella parte centro/nord della Romagna, i nuclei principali partendo dalla via Emilia sono: Terra del Sole, Sadurano e Bagnolo, salendo verso l’appennino Dovadola.

 

Disegno di Elisa

{

Il Castrocaro Sangiovese dop

Il nuovo disciplinare delle Sottozone/le Rocche da una maggiore identità ai vini Romagnoli, dove per il Sangiovese è previsto almeno un 95% di uva Sangiovese, rispetto all’85 previsto per il superiore.

Da disciplinare la resa massima per ettaro è di 90 quintali e l’immissione al commercio non può avvenire prima del 1′ settembre dell’anno successivo alla vendemmia. Per la menzione Riserva, la resa massima scende a 80 quintali e l’immissione in commercio avviene il 1′ settembre del terzo anno successivo alla vendemmia, con almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia. 

Per il Castrocaro Doc è vietata la pratica dell’arricchimento e l’imbottigliamento può essere fatto esclusivamente nella zona di produzione.

Pertanto se pensiamo al disciplinare come una piramide, il vino a Sottozona è all’apice qualitativo, sia per l’mga che per per mga Riserva, segue poi il superiore e il doc.

Castrocaro Terme

Castrocaro Terme e Terra del Sole sono dei piccoli gioielli del cuore dell’Appenino Tosco-Romagnolo, conserva intatta i segni dell’importanza medioevale. L’imponente Fortezza è tra i più antichi castelli del nostro paese e risale al IX secolo. Sapevi che è costruita su un intero blocco di sasso spungone? La rocca domina il pese ed è visitabile, al suo interno vi è il Museo storico e archeologico della città. Per rivivere un’atmosfera sospesa nel tempo non puoi perderti il Parco delle Terme al cui interno si trova il Padiglione delle Feste in stile Art Déco, realizzato dal mugellese Tito Chini e il Gran Hotel delle Terme, splendido esempio di architettura razionalista.

Glorifichiamo il nostro suolo, coltiviamo le differenze, ne rivendichiamo la tipicità e lasciamo esprimere il nostro territorio

Salsubia, Salubria e Beatrice, sono tre differenti fonti di acque fossili e salate di Castrocaro con un alto contenuto di minerali; a queste se ne aggiunge una quarta da cui prende il nome uno dei nostri vini, il Rio Pietra, piccolo affluente del fiume Montone di acque ferrugginose.

Le acque salsobromoiodiche nascono in profondità da strati rocciosi di sasso spungone e sono fortemente mineralizzate; alcune contengono iodio e bromo, Betrice ha un elevato contenuto di sali e di magnesio, la solfurea contiene idrogeno solforato (ricordo mia nonna, quando da piccola mi costringeva a berla “bevi bevi che ti fa bene”).

{

Lo Spungone

la Roccia nata dal Mare

Lo Spungone, dal dialettale spugnò o spungò per il suo aspetto “spugnoso”, è una roccia arenaria calcarea che forma le nostre colline; è costituito da un grossolano impasto di gusci di conchiglie marine tenute assieme dal calcare che fungeva da cemento.

Lo Spungone deriva da depositi marini (di mare relativamente basso) insediatisi durante il Pliocene Medio, circa 3 milioni di anni fa, su zone rialzate che costituivano la Romagna di allora.; la sua natura chimica è essenzialmente calcarea, carbonatica, perché il carbonato di calcio è il componente principale dei fossili che la compongono, e questo fa sì che dove essa affiora il terreno assume caratteristiche particolari, risultando cioè più fertile ed adatto all’insediamento di vegetazione arbustiva ed arborea, ed anche adatto alla coltivazione in particolare della vite.

Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Castrocaro Terme e Terra del Sole

credit by Andrea Bonavita

Open chat
Bisogno di aiuto?
Ciao sono Elisa, scrivimi un messaggio su WhatsApp, ti risponderò a brevissimo. Grazie.